Archivio per maggio, 2008

Eleanor Coppola: appunti dietro la cinepresa di Apocalypse now

Posted in apocalypse now with tags , , , , , , on maggio 29, 2008 by alessandro dionisi

Quando le riprese sono finite e si spengono le luci, pare che il tempo in pochi secondi faccia un balzo avanti.

Baler, aprile

Hanno montato sugli elicotteri dei portelli con delle pinze di sicurezza nei cardini, in modo da poterli togliere in fretta, per montare le cineprese. Continua a leggere

Annunci

i video che non ci stancheranno mai..

Posted in il mucchio selvaggio on maggio 26, 2008 by alessandro dionisi

C’ERA UNA VOLTA IN AMERICA (1984) Sergio Leone

Il cinema, l’aeroplano

Posted in testimonianze with tags , , , , on maggio 26, 2008 by alessandro dionisi

Il secolo XIX lascia in eredità due nuove macchine. Ambedue nascono quasi alla stessa data, quasi nel medesimo luogo, poi si lanciano simultaneamente per il mondo, ricoprono i continenti. Passano dalle mani dei pionieri a quelle degli imprenditori, superano un “muro del suono” .. La prima attua finalmente il sogno più insensato che l’uomo abbia inseguito da quando guarda il cielo: staccarsi da terra. Fino ad allora solo le creature della sua immaginazione, del suo desiderio – gli angeli – avevano le ali. Questo bisogno di volare che nasce, assai prima di Icaro, col fiorire delle prime mitologie, sembra apparentemente il più infantile e il più folle. Ancor oggi si chiama sognatore chi non ha i piedi per terra. Continua a leggere

Diario di uno scandalo (2006)

Posted in cinema, cinema americano with tags , , , , , , on maggio 26, 2008 by alessandro dionisi

DIARIO DI UNO SCANDALO

Richard Eyer

Nel 2006 esce nelle sale Diario di uno scandalo di Richard Eyer, tratto dall’omonimo romanzo di Zoö Heller. L’ambiente è quello popolare di Londra, dove in una scuola, Barbara Covett e Sheba Hart sono due insegnanti protagoniste della storia. La prima (Judy Covett) è una donna anziana conservatrice, professoressa di storia e prossima alla pensione. È peraltro una signora solitaria, poco popolare con i suoi colleghi e i ragazzi dell’istituto che li definisce “ futuri idraulici, commessi e qualcuno di loro prossimo terrorista..”. E’ una zitella che vive in casa con la gatta e la sorella e il diario è il suo unico sfogo dove quotidianamente trascrive tutta la sua rabbia e il disprezzo verso le persone che le ruotano attorno.

Continua a leggere

Prossimamente…

Posted in produzioni with tags , , , , , , on maggio 23, 2008 by alessandro dionisi

Una lettera, una sfida e una storia di potere fanno da sfondo a dieci videolezioni di ciclomeccanica più uno speciale sulla bicicletta a scatto fisso. Inoltre nel DVD è presente un documentario sul progetto EcoTaxi nato dalla cooperativa sociale BlowUp di Roma. Prodotto in collaborazione con Tam Tam Formazione e Servizi e patrocinato dal Circolo Legambiente “Aframbiente”.

a-BiCi

videocorso di ciclomeccanica

+

En route pur la joie

storia di un ecotaxi e di una ciclofficina

meddleTv presenta il suo primo dvd, prenotabile sul sito

www.produzionidalbasso.org

Eleanor Coppola: appunti dietro la cinepresa di Apocalypse Now

Posted in apocalypse now with tags , , , , , on maggio 20, 2008 by alessandro dionisi

Più tardi

Non abbiamo ancora fatto in tempo ad accorgercene: la ripresa è cominciata. Le comparse correvano davanti a noi, due case sono saltate in aria e hanno preso fuoco. Il fumo ci veniva addosso. Ho dovuto smettere di fotografare e ho spostato la cinepresa e il cavalletto. Mentre tentavo di regolare l’inclinazione della cinepresa ho girato la manopola nel verso sbagliato e mi è rimasta in mano. Non sono riuscita a riprendere  la seconda sequenza fin quando le case sul lato sinistro della piazzetta del villaggio non sono state avvolte dalle fiamme. Continua a leggere

In linea con l’assassino

Posted in celluloide, cinema americano with tags , , , , , on maggio 19, 2008 by alessandro dionisi

IN LINEA CON L’ASSASSINO (2002)

Di Joel Schumacher

“ Non puoi capire l’inganno finché non vieni ingannato”.

Stu Shepard (uno strabiliante Colin Farrel) è un Press Agent imbroglione che racconta balle di professione. Si muove tra le strade di New York ed è un manipolatore che non sa più la verità, talmente indaffarato con rapper bisognosi di successo, attricette desiderose di solcare gli studi televisivi ed avvenenti pubblicisti. Si muove nel caos urbano, nell’inquinamento acustico e soprattutto elettromagnetico. Proprio su quest’ultimo Joel Schumacher si sofferma nelle prime sequenze del film, accostando alla voce off, inquadrature suggestive:

“ Si contano circa 8 milioni di abitanti nei 5 distretti di New York. 12 milioni nell’area metropolitana. Ci sono quasi 10 milioni di linee telefoniche con oltre 50 gestori. 3 milioni di New Yorkesi usano il telefono cellulare. Una volta era indice di inferiorità mentale vedere gente che parlava da sola; invece oggi è status simbol e la telefonia mobile va rapidamente soppiantando il gettone. Nonostante l’uso crescente di apparecchi cellulari, si calcola che 4,5 milioni di residenti e 2 milioni di turisti usino il telefono pubblico. Questa è la cabina telefonica tra la 53^ e 8^, forse l’ultimo vestigio di privacy di Manhattan. E’ l’ultima di questo tipo regolarmente funzionante. Da qui partono fino a 300 telefonate al giorno. La cabina è stata scassinata ben 41 volte negli ultimi sei mesi. Ne hanno programmato l’abbattimento e la sostituzione con una struttura a chiosco per le 8 di domani mattina. A neanche due isolati da qui ecco l’uomo destinato ad essere occupante di questa mattina”. Continua a leggere