Archivio per agosto, 2009

Marco Ferreri

Posted in testimonianze with tags , , , , , on agosto 28, 2009 by alessandro dionisi

ferreri19Deserti/ rovine. I film apocalittici di Marco Ferreri

Intervista di Monica Repetto, tratta dal testo Apocalisse e cinema

In principio era la parola..

Ormai non c’è solo l’inutilità della parola, c’è l’impossibilità della parola. Perchè per me è ormai talmente deteriorata che non serve più . Certo si continua sempre a parlare ma i termini amore, odio, tutte queste invenzioni non servono più.

Eppure la persone continuano ad amarsi e odiarsi..

Continuano a fare delle cose che chiamano amore ed odio. Però chiamano delle cose con delle parole che non sono adatte a rappresentare quello che stannoo facendo. E poi, la parola è un’invenzione di chi comanda, è l’invenzione del sistema.

Continua a leggere

Onde – un film di Federico Fei (2005)

Posted in celluloide, cinema, cinema italiano with tags , , , , , , , on agosto 23, 2009 by alessandro dionisi

o9Una steadicam avanza lungo corridoi interni di una nave, alla ricerca di un qualcosa a noi ignoto. I movimenti della macchina creano uno stato di tensione, mentre i suoni in presa diretta sono dilatati ed i rumori ci proiettano nello stato d’animo di qualcuno. La nave è una crociera dove Francesca (Anita Caprioli) lavora come hostess. E’ da qui che ripercorre il suo vissuto. Onde è la storia di un’amore mancato tra due persone, Francesca e Luca, ognuno  portatore di un handicap differente.

Continua a leggere

Scarface – La recitazione

Posted in testimonianze with tags , , , , , , , on agosto 19, 2009 by alessandro dionisi

d5Al Pacino:

Sentivo che Scarface era la combinazione di molti Gangster visti in passato. Rappresentava un intero gruppo di persone. Non era molto organizzato, sembrava quasi un ribelle in quel contesto. Anche se era in grado di uniformarsi, si sapeva che alla fine non era in grado di attenersi ad un ambiente controllato. Era fuori da ogni controllo, caratteristica interessante del personaggio. Steven ed io diventammo subito amici e passammo insieme molto tempo, semplicemente costruendo il nostro rapporto e il nostro passato. Ci piaceva costruire lo scenario, inventare una storia. Continua a leggere

Woody Allen su Un’ altra donna

Posted in testimonianze with tags , , , , , on agosto 17, 2009 by alessandro dionisi

un6Un’altra donna è un film in cui c’è Sven Nykvist come direttore della fotografia. Secondo te quali sono le sue principali qualità ?

Credo che Sven sia uno dei pochi grandi direttori della fotografia del mondo, e ciò che lo rende grande è il fatto che mette del sentimento nel proprio lavoro. Si può sempre cercare di analizzare cosa rende grande un direttore della fotografia. Uno usa le luci come Carlo Di Palma, facendo prevalere il chiaro. Un’altro, invece , preferisce le ombre come Gordon Willis. Hanno tutti la loro filosofia su come lavorare. A uno piace molto muovere la macchina da presa, a un altro, invece non piace muoverla troppo. Ma, alla fine, ciò che conta è il sentimento. E Sven mette del sentimento nel suo lavoro. Voglio dire, i film che ha fatto con Bergman sono straordinari. Persona è una bellissima opera d’arte, molto poetica anche per quanto riguarda la fotografia. Sussurri e grida è bellissimo, Fanny & Alexander è bellissimo. Sono tutti meravigliosi, ma questi tre particolarmente affascinanti. Continua a leggere

Un’altra donna – un film di Woody Allen (1988)

Posted in celluloide, cinema, cinema americano with tags , , , , , on agosto 16, 2009 by alessandro dionisi

un40Marion, è una donna di cinquant’anni e da pochi giorni ha preso in affitto un piccolo appartamento per poter scrivere un testo di filosofia. E’ una persona afferrata, tenace, caparbia. Docente all’università è sposata con Iam un cardiologo conosciuto, sicuro di sè, ma freddo nei suoi confronti. I due navigano nella routine abitudinaria alto borghese, assuefatta nei ritmi e nei tempi dei salotti.

Continua a leggere

L’idea lo sa .. David Lynch

Posted in testimonianze with tags , , , , , on agosto 8, 2009 by alessandro dionisi

velluto1L’idea è tutto. Non tradirla e ti dirà tutto ciò che c’è da sapere, sul serio. Basta che continui ad impegnarti perchè il risultato abbia lo stesso aspetto, la stessa atmosfera, gli stessi suoni e sia preciso identico all’idea. E’ strano quando ti allontani dal percorso, in qualche modo lo sai. Continua a leggere

Ingmar Bergman (cinema nuovo)

Posted in testimonianze with tags , , , , , on agosto 8, 2009 by alessandro dionisi

fuori3Quando cammino da solo nella mia isola deserta, se sento un rumore alle spalle mi metto a correre come se qualche minaccia mi inseguisse. So che è ridicolo, è irrazionale, ma è più forte di me. Però io sono anche uno che ama la vita, le donne, il vino, il buon cibo, e così la felicità si intreccia all’angoscia. Da giovani si provano molte emozioni, grandi sentimenti, e si è molto intolleranti. Io sono stato un ragazzo sempre arrabbiato, fazioso, aggressivo. Adesso, da anziano, divento più indulgente, meno partigiano e meno rigoroso, più generoso. Capisco meglio Stravinskij che una volta mi disse: “Sono contento di essere vecchio: ora posso amare Brahms, persino i valzer di Brahms”. Non sono un intellettuale , sono molto irrazionale: e quasi tutti, nel profondo, restiamo bambini, affascinati dal mistero, dalla magia, dal sogno. Continua a leggere