Eleanor Coppola: appunti dietro la cinepresa di Apolypse now

santo5Baler, 13 maggio

Il sabato porto i bambini sul set. Roman curiosa nel reparto trucco dice che oramai sa dipingere una ferita da pallottola bene come l’aiuto truccatore. Oggi la compagnia gira in zona della giungla vicino alla città. A pranzo abbiamo mangiato nel cortile della scuola. C’erano talmente tante mosche  che con la mano sinistra le scacciavo e con la destra continuavo a mangiare. I filippini sembravano non farci caso. Una donna stava mangiando alla tavola vicina due piatti di riso e le mosche sopra di lei sembravano dei grappoli viventi. Mi sono accorta che il lungo e rustico tavolo su cui stavamo mangiando era di mogano massiccio.

santo2Manila, 16 maggio

Ieri era l’ultimo giorno a Baler. La compagnia stava lavorando vicino al fiume con tutti gli attori dentro la PBR e per noi non c’era davvero un posto decente per girare. Doug è salito sulla torre, dove c’era la seconda cinepresa, e ha ripreso una panoramica. Poi abbiamo deciso di andare al villaggio dei pescatori. Ne avevo sentito parlare in giro e l’avevo visto dall’elicottero. Credevo fosse piuttosto lontano, invece ci sono voluti appena 5 minuti dall’ufficio di produzione. Ci siamo andati con un gippone giallo tutto dipinto: sul cofano aveva tre cavalli d’argento. Lungo la strada abbiamo fatto un paio di riprese delle bancarelle nelle viuzze e della gente alle finestre. Quando abbiamo raggiunto la spiaggia mi sono ritrovata nel più bel posto che abbia visto a Baler. Un villaggio di capanne di bambù e di foglie circondava la foce di un fiume, dove si confonde con il mare. Sulla spiaggia c’erano file di persone che tiravano lunghe funi che si allungavano fino alle reti da pesca nell’acqua. La gente era scura di pelle e sorridente, si muoveva quasi a passo di danza, al ritmo della tradizione delle reti. Sempre sulla spiaggia, ma più indietro, c’erano delle bonca dipinte a colori vivaci, blu, arancione, verde e rosso. Probabilmente la gente vendeva il pesce in cambio di riso.

santo3C’erano piccoli orti pieni di verdure, polli e maiali, attorno alle case e palme da cocco dappertutto: proprio un paradiso terrestre, come si può immaginare che fosse Tahiti duecento anni fa. Non c’erano segni del mondo occidentale: non c’erano fili elettrici, né del telefono, nessun distributore di benzina , né hotel o ristoranti, neppure insegne di Coca Cola. Nessuna prova che esistesse il resto del mondo, salvo qualche pacco di merce in un capanno al lato della strada e qualche tubo di plastica per lo scarico dell’acqua vicino alle case. Non faceva neanche quel caldo soffocante, che trovavi solo a mezzo chilometro nell’interno e dall’oceano soffiava una brezza deliziosa. Una bonca trasportava al di là della foce del fiume fino a una piccola striscia di sabbia con delle capanne, sull’altra sponda. Il prezzo della traversata era di 10 centavos (meno di un penny). Non c’erano nemmeno quei due o tre stranieri girovaghi che ci si aspetta di trovare in un posto simile prima che arrivi l’ondata degli scopritori di luoghi incantevoli per hotel. Abbiamo cercato di girare qualche scena, ma la gente era radunata attorno a noi con tale curiosità che non potevamo stare abbastanza lontano da poter mettere a fuoco la cinepresa. Alcuni s’erano messi in posa con le braccia incrociate e un gran sorriso in faccia, invitandoli a riprenderli. Alla fine abbiamo riposto la cinepresa nel gippone e ci siamo seduti sul cofano. In una piccola baia di fronte a noi c’erano dei bambini sorridenti, con la pelle scura, che giocavano con delle piccole bonca scolpite a mano nel legno. Le palme da cocco formavano archi sopra le capanne di paglia. Sembrava proprio una scena tratta da un film.

 

Eleanor Coppola: Appunti dietro la cinepresa di Apocalypse Now

Edizioni il formichiere

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: