Archive for the apocalypse now Category

Eleanor Coppola – Appunti dietro la cinepresa di Apocalypse Now

Posted in apocalypse now with tags , , , , , on febbraio 11, 2010 by alessandro dionisi

Iba, 21 maggio

Stamattina siamo andati ad Iba, che a circa venticinque minuti di volo da Manila. Si lavorerà qui per le prossime sei settimane di lavoro. E’ sulla costa, non è bella come Baler, forse è solo colpa del brutto tempo. La luce è grigia e il tempo solleva la sabbia piatta dentro i camion con le attrezzature e nella zona della mensa.

2, 00 de pomeriggio. A pranzo l’aiuto regista stava cercando una quarantina di volontari che l’aiutassero, perchè la lancia su cui c’è la cinepresa ha rotto gli ormeggi e la PRB ha l’ancora che si trascina a fondo. Il tifone sta sempre dirigendosi verso di noi, la pioggia continua a battere incessantemente, il vento pure. I teli di plastica messi per coprire la zona mensa cominciano a volare via. I sacchetti di sabbia non riuscivano a tenerli a posto.

Continua a leggere

Eleanor Coppola: Appunti dietro la cinepresa di Apocalypse Now

Posted in apocalypse now with tags , , , on gennaio 16, 2010 by alessandro dionisi

Manila, 20 maggio

La tempesta è diventata più preoccupante: l’acqua è cominciata a entrare nelle stanze al pianterreno. In certe zone sembra quasi che il tappeto galleggi, perché c’è sotto una pellicola d’acqua. I bambini l’anno preso come una specie di letto d’acqua e continuano a saltarci intorno e sopra. Ben presto l’acqua è salita a 15 cm e ha cominciato ad uscire dalla delle camere da letto, per invadere anche le altre stanze. Parecchia gente s’è rifugiata da noi dall’ufficio,  perchè le strade erano talmente allagate che non potevano tornare a casa loro. Ci avevano impiegato due ore solo per arrivare quì dall’ufficio. Ce ne stavamo tutti in cucina a berci una bottiglia dietro l’altra di vino italiano, quando a qualcuno è venuto in mente che gli scatoloni di pasta  erano giù in mezzo all’acqua.

Continua a leggere

Eleanor Coppola: Appunti dietro la cinepresa di Apocalypse Now

Posted in apocalypse now, Uncategorized with tags , , , , , , on dicembre 10, 2009 by alessandro dionisi

Manila, maggio

Per certi versi vivere a Manila è come tornare indietro con nel tempo. Per esempio le piante di plastica sono assolutamente di moda, e care, anche: mentre quelle quelle vere sono a buon mercato. Con circa quattro dollari si può trovare una palma da giardino molto grande, in America ci vorrebbero almeno 50 dollari.  I bei cesti intrecciati a mano sono considerati roba da turisti, loro preferiscono la plastica. Il gelato viene fatto in deliziosi recipienti di latta, che quì buttano via. Le bustine di tè sono fatte di tela; il latte arriva in bottiglie che bisogna rendere. Sembra che i cibi surgelati comincino a farsi largo. Continua a leggere

Eleanor Coppola: appunti dietro la cinepresa di Apolypse now

Posted in apocalypse now with tags , , , , , on novembre 1, 2009 by alessandro dionisi

santo5Baler, 13 maggio

Il sabato porto i bambini sul set. Roman curiosa nel reparto trucco dice che oramai sa dipingere una ferita da pallottola bene come l’aiuto truccatore. Oggi la compagnia gira in zona della giungla vicino alla città. A pranzo abbiamo mangiato nel cortile della scuola. C’erano talmente tante mosche  che con la mano sinistra le scacciavo e con la destra continuavo a mangiare. I filippini sembravano non farci caso. Una donna stava mangiando alla tavola vicina due piatti di riso e le mosche sopra di lei sembravano dei grappoli viventi. Mi sono accorta che il lungo e rustico tavolo su cui stavamo mangiando era di mogano massiccio.

Continua a leggere

Eleanor Coppola: dietro la cinepresa di Apocalypse Now

Posted in apocalypse now with tags , , , , on ottobre 4, 2009 by alessandro dionisi

torre4Baler, 12 maggio

Stamattina, John mi ha raccontato la storia della tigre sull’aeroplano. Ha detto che il pilota era saltato a terra dal finestrino della carlinga, il che era un gran bel salto. Dopo che erano riusciti a ricacciare la tigre nella gabbia, per cui hanno preso una scala e lui è salito prima sull’ala e poi è entrato nella carlinga attraverso il finestrino e non è più uscito finchè non sono atterrati e hanno poi portato via la tigre. Continua a leggere

Eleanor Coppola – Appunti dietro la cinepresa di Apocalypes Now

Posted in apocalypse now with tags , , , , on gennaio 18, 2009 by alessandro dionisi

hhhhhh

 

Baler, 10 maggio

Martin Sheen mi stava raccontato di quel che gli è capitato sul set. Finora, s’è tagliato la faccia e adesso ha quattro punti; poi, attraversando la strada a Baler, è svenuto per il caldo, allora l’hanno disteso in mezzo alla carreggiata con tutta le jeep che gli facevano il peso. Quando le barche che portavano la gente a colazione sono entrate in collisione, gli si è rovinata la cinepresa nuova. Poi, ieri sera ha cominciato a piovere forte, allora lui ha tappato i buchi delle zanzariere nella sua camera con della carta igienica, e stava cercando di togliere per poter chiudere le finestre. Era bagnato fradicio e il letto pure. Quando oramai aveva preso la decisione di andarsene nell’altro letto, ha smesso di piovere e s’è dovuto alzare e andare ad aprire le finestre, perchè c’era un’umidità troppo intensa. Ha dovuto rimettere su le zanzariere per tenere lontani gli insetti. Continua a leggere

Eleanor Coppola – Appunti dietro la Cinepresa di Apocalypse Now

Posted in apocalypse now with tags , , , , on dicembre 7, 2008 by alessandro dionisi

ggggggggggggggggggggg

Baler, 6 maggio

Ieri pomeriggio verso le tre, ho deciso di riprendere David mentre girava con la cinepresa Astrovision dal Jet Mu-2. Doug e io siamo andati alla pista d’atterraggio, l’aereo era stato al sole tutto il giorno e sembrava proprio di entrare in sauna; nel giro di pochi minuti eravamo bagnati fradici di sudore. Siamo saliti sin sopra le nuvole, David ha cominciato a cercare i caccia F-5 filippini per fotografarli mentre provavano la ripresa di domani del bombardamento al napalm. La cinepresa era montata sotto la fusoliera dell’aereo e David la manovrava per mezzo di comandi a distanza, mentre guardava uno schermo televisivo all’interno della cabina. Continua a leggere