Archive for the celluloide Category

Il deserto Rosso (1964) un film di Michelangelo Antonioni

Posted in celluloide, cinema, cinema italiano with tags , , , , , , on gennaio 27, 2010 by alessandro dionisi

Ci sono luoghi che rappresentano un deserto senza sorta di fine, dove delle piccole formiche si agitano continuamente, lavorano, portano provviste, si incuneano, si scontrano e ostinate proseguono senza chiedersi il perchè. Piccole formiche che non comunicano, hanno paura, si costruiscono un personaggio, ti sfuggono, al limite ti rincorrono sempre. Il presente è terra bruciata, semplicemente perchè lontani da un gesto spontaneo si cerca la strada più semplice: la fuga giustificata.   Un bambino chiede alla mamma: ” Perchè quel fumo è giallo??”. ” Perchè è veleno” risponde la donna. “Allora se passa un uccellino li in mezzo muore!!”, prosegue curiosito il bambino. ” Si, ma gli uccellini ora lo sanno e non ci passano più..”, conclude la mamma..

Continua a leggere

Lo scopone scientifico (1972) un film di Luigi Comencini

Posted in celluloide, cinema, cinema italiano with tags , , , , , , , on novembre 11, 2009 by alessandro dionisi

lo scopone39

Lo scopone Scientifico, è una brillante commedia diretta da Luigi Comencini, insieme ad un cast di calibro formato da Alberto Sordi, Silvana Mangano, Bette Davis, Joseph Cotten e Domenico Modugno.

Una miliardaria donna anziana, ogni anno, interrompe la sua monotona vita per trascorrere alcuni giorni in una lussuosa villa romana che si affaccia su una baraccopoli formata da disoccupati, gente povera, piccoli delinquenti e famiglie numerose.

Continua a leggere

La femme de l’aviateur (1981)- un film di Eric Rohmer

Posted in celluloide, cinema, cinema francese; nouvelle vague, pellicola francese with tags , , , , , , on ottobre 23, 2009 by alessandro dionisi

l'aviatore27

Eric Rohmer nel film La moglie dell’aviatore mette in scena una commedia a tratti oscura, dove il tema della menzogna è la matrice. Tutti raccontano frottole ed ogni personaggio si mostra mediocre, patetico e in preda ad un autolesionismo inconscio. Di conseguenza ci vengono proiettati a catena una serie di fraintendimenti, equivoci,sviste, incertezze ed ambigue coincidenze.

Continua a leggere

La signora della porta accanto (1981) – un film di Francoise Truffaut

Posted in celluloide, cinema francese, cinema francese; nouvelle vague with tags , , , , , on ottobre 12, 2009 by alessandro dionisi

signora8Ci troviamo nei pressi di Grenoble. Gli effetti devastanti di una storia di fantasmi che riemergono dal passato, dal buio della mente, si impressionano nella pellicola di Truffaut, La signora della porta accanto.

La signora Odile Jouve (Véronique Silver) che gestisce il circolo di tennis locale, senza poterne giocare perché ha una protesi alla gamba destra, introduce la storia di Bernard e Mathilde a noi spettatori: il dramma, però, si è già consumato.

Continua a leggere

Ultrà (1991) un film di Ricky Tognazzi

Posted in celluloide, cinema, cinema italiano with tags , , , , , , , , on settembre 22, 2009 by alessandro dionisi

ultrà 19

Siamo alla fine degli anni ’80, inizi ’90, periodo nel quale tifosi e sportivi attendevano con impazienza 90° minuto e si collegavano alle radioline isolandosi dal resto del mondo. Si andava allo stadio presto, perché le coreografie venivano esposte a pochi minuti dal fischio iniziale dell’arbitro e gli striscioni, insieme ai fumogeni, davano maggior colore alla curva della squadra del cuore. Il tifo era organizzato, si divideva solitamente per gruppi e molti di essi portavano il nome del quartiere di una  città. Sono gli anni in cui le curve erano al centro delle attenzioni  sia nel  bene, con i loro colori,  tifo, tamburi che rullavano costantemente,  che nel male, punto di ritrovo dove molto spesso si raggruppavano  anche chi non adulava la squadra e cercava modo di mettersi al centro  dell’attenzione  verso l’opinione pubblica.
Siamo alla fine degli anni ’80, inizi ’90, periodo nel quale tifosi e sportivi attendevano con impazienza 90° minuto e si collegavano alle radioline isolandosi dal resto del mondo. Si andava allo stadio presto, perché le coreografie venivano esposte a pochi minuti dal fischio iniziale dell’arbitro e gli striscioni, insieme ai fumogeni, davano maggior colore alla curva della squadra del cuore. Il tifo era organizzato, si divideva solitamente per gruppi e molti di essi portavano il nome del quartiere di una  città. Continua a leggere

Full Metal Jacket (1987)- un film di Stanley Kubrick

Posted in celluloide, cinema, Uncategorized with tags , , , , , , on settembre 4, 2009 by alessandro dionisi

fmj 42

” Questo è il mio fucile. Ce ne sono tanti come lui, ma questo è il mio. Il mio fucile è il migliore amico e la mia vita. Io debbo dominarlo come domino la mia vita. Senza di me il mio fucile non è niente. Debbo colpire il bersaglio. Debbo sparare meglio del nemico che cerca di sparare me. Debbo sparare prima che lui spari me. E lo farò a cospetto di Dio. Giuro su questo credo. Il mio fucile e me stesso siamo difensori della patria, siamo i dominatori dei stessi nemici, siamo i salvatori della nostra vita e così sia. Finchè non ci sarà più nemico ma solo pace. Amen. ”

Continua a leggere

Onde – un film di Federico Fei (2005)

Posted in celluloide, cinema, cinema italiano with tags , , , , , , , on agosto 23, 2009 by alessandro dionisi

o9Una steadicam avanza lungo corridoi interni di una nave, alla ricerca di un qualcosa a noi ignoto. I movimenti della macchina creano uno stato di tensione, mentre i suoni in presa diretta sono dilatati ed i rumori ci proiettano nello stato d’animo di qualcuno. La nave è una crociera dove Francesca (Anita Caprioli) lavora come hostess. E’ da qui che ripercorre il suo vissuto. Onde è la storia di un’amore mancato tra due persone, Francesca e Luca, ognuno  portatore di un handicap differente.

Continua a leggere