Archive for the pellicola francese Category

La femme de l’aviateur (1981)- un film di Eric Rohmer

Posted in celluloide, cinema, cinema francese; nouvelle vague, pellicola francese with tags , , , , , , on ottobre 23, 2009 by alessandro dionisi

l'aviatore27

Eric Rohmer nel film La moglie dell’aviatore mette in scena una commedia a tratti oscura, dove il tema della menzogna è la matrice. Tutti raccontano frottole ed ogni personaggio si mostra mediocre, patetico e in preda ad un autolesionismo inconscio. Di conseguenza ci vengono proiettati a catena una serie di fraintendimenti, equivoci,sviste, incertezze ed ambigue coincidenze.

Continua a leggere

F. Truffaut su La signora della porta accanto

Posted in cinema francese; nouvelle vague, pellicola francese, testimonianze with tags , , , , on ottobre 13, 2009 by alessandro dionisi

signora46Tratto da Tutte le interviste di F. Truffaut sul cinema a cura di Anne Gillan

A quando risale l’idea ?

Dipende se parliamo del soggetto, della storia o del tema. Diciamo che mettere faccia a faccia un uomo e una donna che si sono già amati in passato è un tema che ho in testa da molti anni e sul quale prendevo spunti. A quel tempo il mio abbozzo si chiamava “Sur les rails”: non proprio un bel titolo! mi serviva trovare una coppia ideale… Ho pensato a Fanny Ardant quando l’ho vista in les dames de la cote alla televisione. Ho avuto subito voglia di lavorare con lei. Questo accadeva poco prima che iniziassero le riprese di Le dernier métro, nel quale, a posteriori, ho avuto l’impressione di non aver fatto il massimo con Gérard Depardieu, che era solo uno dei sette personaggi e non il più importante.

Continua a leggere

Une Partie de Campagne (1936) un film di Jean Renoir

Posted in cinema, pellicola francese with tags , , , , , , on novembre 28, 2008 by alessandro dionisi

reno2reno4reno7

reno12reno11reno13

Une partie de campagne(1936)

Un film di Jean Renoir

A cura di Alessandro Dionisi

La grandi città vivono dietro il transito satellitare, nelle più intime intercettazioni, tra parchi a tema ed un muro di benessere dentro il quale tutti i comportamenti divengono eguali. Nessun tentativo per emergere ed un obiettivo finale che rimane quello di riuscire a confondere personalità, sogni, opinioni.

Jean Renoir ha avvertito quale distanza comporta la crescita urbanistica a dispetto della primigenia vita. La deliziosa pellicola Une partie de campagne, mette in luce proprio i tic, le nevrosi, gli ormoni impazziti, lo spaesamento, ma anche la riflessione della classe borghese a contatto con l’orizzonte incantevole che si espande con i profumi e i sapori della natura. Une partied e campagne è una commedia che il regista francese ci presenta come tre cortometraggi confluiti un unico piccolo film, dove sono riunificati lo spazio e il tempo, la pittura e la musica, il teatro e il romanzo. Continua a leggere