Archivio per Alberto Sordi

Lo scopone scientifico (1972) un film di Luigi Comencini

Posted in celluloide, cinema, cinema italiano with tags , , , , , , , on novembre 11, 2009 by alessandro dionisi

lo scopone39

Lo scopone Scientifico, è una brillante commedia diretta da Luigi Comencini, insieme ad un cast di calibro formato da Alberto Sordi, Silvana Mangano, Bette Davis, Joseph Cotten e Domenico Modugno.

Una miliardaria donna anziana, ogni anno, interrompe la sua monotona vita per trascorrere alcuni giorni in una lussuosa villa romana che si affaccia su una baraccopoli formata da disoccupati, gente povera, piccoli delinquenti e famiglie numerose.

Continua a leggere

Annunci

testimonianze: tristi, soli e alla fine

Posted in testimonianze with tags , , , , , , , , on marzo 28, 2008 by alessandro dionisi

stanlio-1.jpgstanlio-2.jpgstanlio1.jpg

Tratto da film tv, articolo scritto da Gianni Amelio

Gli spettatori di oggi li vedono ogni tanto in televisione, di mattina, deturpati dal colore postumo appiccicato, ma non fanno più che ridere come una volta. Se da noi li ripropongono tanto spesso è perchè nei loro film d’annata c’è la voce di un doppiatore che da solo è uno spattacolo. Alberto Sordi da giovene diede la voce italiana al più grosso dei due e inventò quell’italiano anglofono macccheronico che tanto contribuì alla sua popolarità: per dire “arrivevederci” si diceva, agitando la mano , “olive dolci”.

Faccio fatica a ricordare i titoli dei film di Stan Laurel e Oliver Hardy (cioè Stanlio & Olio) e non parliamo dei nomi dei registi. Non è un fatto di date, non è solo perchè quando essi erano al lapice io non esistevo. La febbre dell’oro c’era vent’anni c’era vent’anni prima che io nascessi, eppure io la so a memoria. La ragione è un’altra, Chaplin ha avuto da sempre lo status di artista, Gliel’hanno dato critici e spettatori dal primo rullo delle sue comiche. Stanlio & Olio no. Loro hanno divertito la gente “a prescindere”, erano i giullari dei poveri, i manovali della gag usa e getta. Almeno fino alla morte di Hardy non erano mai passati a serie A. Poi, come succede, sono arrivate le consacrazioni tardive (ne ha beneficiato solo il magrolino) che valgono zero se non si crede al paradiso. Continua a leggere